• Nuovo

Teatro regio*

10,00 €

L'immagine in anteprima è una fotografia che rispecchia le reali condizioni del libro.

***I libri danneggiati sono libri d'occasione, nuovi ma provenienti dalle eccedenze di magazzino e dagli stock di copie invendute dalle librerie o fiere. I libri sono pienamente integri, anche se quelli più datati potrebbero presentare segni di usura sulle copertine e/o al loro interno***

Quantità

  • Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati ! Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati !
  • Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto. Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto.
  • Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso. Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso.
Sarah Moon
#9788869652318

22x21 cm
240 pagine
40 fotografie in tricromia
rilegato

Che strano edificio è il teatro: luogo della finzione per eccellenza, terra dove i sogni – tutti i sogni – si realizzano, ha una sua storia, una tradizione consolidata, che si rinnova e si trasforma ogni volta che un nuovo sogno viene messo in scena.
Il Teatro Regio di Torino non si sottrae a questo magico mistero. Vera scatola delle meraviglie, risuona di storia e tradizione ed è pronto a trasformarsi per ogni nuova messa in scena.
Sarah Moon, con il suo sguardo unico e poetico, con il suo bianco e nero evanescente, ha percorso sotto la guida di Adele Re Rebaudengo il Teatro Regio, le sue sale, il foyer, il boccascena e i camerini, fino a indugiare sulla facciata e sull’atmosfera che lo circonda. Non si tratta di un semplice libro di architettura o magari di una “visita guidata”. Questo libro è una rappresentazione dentro la rappresentazione; il racconto di un sogno nel sogno.

“In punta di piedi, in un bisbiglio, Sarah Moon ci trascina nell’esplorazione notturna di questo luogo deserto, abitato da ombre e apparizioni conturbanti. Nulla meglio di questo silenzio e di questa solitudine potrebbe mettere in gioco la memoria e l’immaginazione”.
Antoine Terrasse