• Prezzo scontato

L'alba che aspettavo - A madrugada que eu esperava

29,90 €
28,41 € Risparmia 5%

Il libro accompagna la mostra “L’alba che aspettavo - A madrugada que eu esperava” esposta al Mattatoio di Roma dal 24 maggio al 25 agosto 2024
Quantità

  • Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati ! Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati !
  • Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto. Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto.
  • Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso. Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso.
AA.VV.
9788869659560

18,5x25 cm 

200 pagine

153 fotografie a colori e in b/n

brossura con alette


Lisbona, 25 aprile 1974, ore 00:20. Dalla stazione radio Renascença partono le note di una canzone: Grândola, Vila Morena. È il segnale che tutti attendono per dare lavvio alle operazioni militari che in brevissimo tempo porteranno alla ne della dittatura di Salazar e all’inaugurazione di una nuova epoca per il paese e lEuropa intera. In breve, si procede all’arresto degli alti ufficiali fedeli al regime; si occupano punti strategici, come laeroporto e la prigione politica; il capo del governo Marcelo Caetano si consegna ai ribelli nel pomeriggio, mentre alle 23:20 viene approvata la legge che decreta lo scioglimento dell’Assemblea nazionale e del Consiglio di Stato. In meno di 24 ore, il paese intraprende un processo rivoluzionario che porterà alla libertà e alla democrazia, nel tripudio del popolo che scende in piazza a fianco dei militari.

 

È una rivoluzione rapida, pacifica, di massa. Lunica, dopo la Seconda guerra mondiale, nel continente europeo. Un evento che ha coinvolto, interessato ed emozionato più di una generazione di cittadini, attivisti politici o giornalisti che hanno visto nel Portogallo, nella sua capacità di scrollarsi di dosso decenni di dittatura e uscire dalla guerra coloniale, la possibilità di pensare e realizzare una vita diversa.

 

La “rivoluzione dei garofani” è stata un grande evento collettivo, un momento di svolta per il paese, le sue riforme e la sua vita sociale. Un nuovo giorno per Lisbona e le altre città, che scoprono una diversa forma di partecipazione collettiva, per le campagne, dove si inaugura la riforma agraria, per la cultura e l’informazione che intraprende forme di comunicazione visiva libere ed efficaci.

 


L
alba che aspettavo. Immagini e ricordi di una rivoluzione, a cura di Alessandra Mauro, ripercorre quei momenti a cinquantanni di distanza tramite le testimonianze dei protagonisti e una cronologia dettagliata degli eventi corredata di illustrazioni e fotografie e dellepoca, per poi soffermarsi sui cambiamenti strutturali del paese.