• Prezzo scontato

Consigli di un fotografo viaggiatore

19,90 €
16,92 € Risparmia 15%

Olivier Föllmi, fotografo di fama internazionale, racconta per la prima volta in questo libro il suo percorso artistico personale, il suo modo di lavorare e di fotografare, la capacità sviluppata negli anni di entrare in contatto con culture lontane dalla propria e di preparare professionalmente e spiritualmente i suoi viaggi. Il libro è un piccolo manuale sull’uso della fotografia come strumento di scambio e di conoscenza, sull’insaziabile passione per il viaggio, sul coraggio di seguire le proprie passioni.

Quantità

  • Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati ! Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati !
  • Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto. Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto.
  • Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso. Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso.
Oliver Follmi
9788869651861

15x21 cm
108 pagine
60 fotografie a colori
brossura con sovracoperta

Il volume dimostra una formidabile conoscenza del pianeta, che Föllmi percorre da trenta anni, e presenta l’esperienza ventennale sull’Himalaya, la conoscenza umana dei popoli più remoti. Elementi che lo rendono un punto di riferimento per i fotografi viaggiatori. Ci rende inoltre partecipi di momenti emozionanti attraverso la storia di alcune tra le sue fotografie più belle. Nella volontà di rendere queste pagine un luogo di condivisione della sua esperienza umana e professionale, Föllmi include anche una serie di consigli sul materiale fotografico, sulla logistica e l’organizzazione di un reportage, e sulle strategie di vendita delle immagini. 

“Il mestiere di fotografo viaggiatore è fantastico. Permette di avvicinarsi ai propri sogni, di percorrere tutto il pianeta, di incrociare persone incredibili, di vivere mille vite diverse, di realizzarsi e di trasmettere la propria esperienza, con gli occhi lucidi, a ogni ritorno. È un lavoro gratificante, che coniuga il vissuto e la condivisione, l’interiorità e la socialità. Nel quotidiano è ricco di avventure e si impara tanto su se stessi come sugli altri. Attraverso questo mestiere si ha la possibilità di scoprire tutti gli ambienti, dai palazzi sfavillanti alle catapecchie senza luce. Molti incontri segnano per tutta la vita e da ogni viaggio si torna sconvolti”.
Olivier Föllmi