Italia Metafisica**

5,00 €

L'immagine in anteprima è una fotografia che rispecchia le reali condizioni del libro.

***I libri introvabili sono titoli esauriti e fuori commercio di difficile reperibilità.  Si tratta sia di libri nuovi che di copie invendute provenienti da librerie o fiere e che per questo potrebbero presentare segni di usura sulle copertine e/o al loro interno***

Quantità
Non ci sono abbastanza prodotti in magazzino

  • Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati ! Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati !
  • Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto. Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto.
  • Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso. Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso.
George Tatge
#9788869655951

24x29 cm
120 pagine
68 fotografie in b/n
cartonato+sovraccoperta

Italia Metafisica raccoglie le immagini che, come altrettante tappe di un lungo viaggio nel nostro paese, George Tatge è andato componendo in anni di frequentazione e di studio dell’Italia, della sua campagna, della realtà urbana, della sua storia e delle sue trasformazioni di questa terra. Lo sguardo di Tatge è attento, misurato, insieme colto e appassionato e l’Italia che fotografa racchiude ancora, e forse sempre di più, il fascino e il mistero di un equilibrio fragile e bellissimo.

Il volume presenta sessantasei fotografie in bianco e nero, introdotte da testi di Diego Mormorio e Carlo Sisi.

Le immagini di Tatge mostrano l'architettura del nostro paese ma anche i manufatti di ogni tipo che l’uomo lascia dietro di sé. Il rapporto tra natura e uomo lascia il posto a un solo protagonista, l'uomo, e ai suoi interventi sul territorio, con tutti i significati sociali, industriali e religiosi che comportano. Che si tratti di rigorose costruzioni di epoca romana o di anonimi condomini nelle periferie urbane, di imponenti chiese rinascimentali o di desolanti fabbriche dismesse, Tatge con la sua macchina fotografica vede fondamentalmente una traccia, un'impronta profonda, talvolta nascosta del paesaggio urbano. Ecco allora frammenti di realtà, giustapposizioni bizzarre e surreali e aperte, all’interpretazione di chi guarda.