• Prezzo scontato
  • Nuovo

I custodi dei fratelli*

45,00 €
20,00 € Risparmia 25,00 €

L'immagine in anteprima è una fotografia che rispecchia le reali condizioni del libro.

***I libri introvabili sono titoli esauriti e fuori commercio di difficile reperibilità.  Si tratta sia di libri nuovi che di copie invendute provenienti da librerie o fiere e che per questo potrebbero presentare segni di usura sulle copertine e/o al loro interno***

Quando i fotografi denunciano i diritti violati

A cura di Alessandra Mauro, con un importante saggio di Susie Linfiel su fotogiornalismo e diritti umani, e un‘introduzione di Marcello Flores.

GO TO THE ENGLISH VERSION OF THIS BOOK

Quantità

  • Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati ! Tutti i tuoi acquisti sono protetti con i migliori standard SSL e certificati !
  • Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto. Spedizione veloce e con tracciabilità per seguire il tuo prodotto.
  • Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso. Tutti gli acquisti godono del diritto di recesso.
AA.VV.
#9788869650604

17x24 cm
314 pagine
180 fotografie a colori e in b/n
rilegato con sovracoperta

Si chiamano Lewis Hine, Sebastião Salgado, Eugene Smith, Tom Stoddart, Igor Kostin, Philip Jones Griffith e si sono occupati di fame, di siccità, di disastri ecologici, di Aids… Sono fotografi di documentazione, autori e giornalisti che hanno deciso di puntare la loro macchina fotografica su una serie di storie nascoste che andavano portate alla luce, raccontate, comprese e denunciate. Le loro immagini e il loro lavoro hanno aiutato a far divenire la violazione dei diritti umani coscienza comune e discorso pubblico, contribuendo a sviluppare la nostra cultura civile.
I Custodi dei fratelli raccoglie 20 protagonisti e 20 storie esemplari della fotografia di documentazione. Per ognuno, un testo introduttivo e un’accurata scelta di foto permette di comprendere il senso e il valore di questi importanti reportage. Dall’America della seconda metà dell’Ottocento, in cui Jacob Riis con la sua macchina fotografica cercava di mostrare a tutti “come vive l’altra metà”, alle foto più recenti di Lucinda Devlin che mostrano le stanze della morte - le Omega Suites - dei carceri americani, si traccia una storia della fotografia, di quegli autori impegnati che, come ha insegnato Lewis Hine, “vogliono mostrare cose che devono essere corrette. Vogliono mostrare cose che devono essere apprezzate”.